Sensitivi? Come e Quando – Vivere di Emozioni

La religione ci parla di profeti, i profeti sono coloro che predicono il futuro, L’hanno già visto e ci aprono gli occhi su eventi futuri.
I più grandi profeti della storia hanno predetto vari eventi che devono ancora realizzarsi, allora potremmo dire che si può vedere il futuro anche se vicini a Dio.

Essere sensitivi non è sinonimo di magia, condannata dalla Bibbia e dalla Chiesa, ma di ricettività a eventi, situazioni avvenire.
I sensitivi sono emotivi, non distaccati ma immedesimati in difficoltà, emozioni, percezioni, vissuti di qualcuno lontano o vicino.

Un esempio di fatti realmente accaduti?
Una bimba di circa 7 anni sente il dolore di un uomo a cui è mancata da poco la moglie, nell’attimo in cui si è avvicinata a lui e il dolore dell’uomo si trasferisce su di lei.

Sensitivi vuol dire anche entrare in un supermercato e, guardando tra gli scaffali, sentire il gusto o l’odore di un alimento insacchettato, inscatolato, sapere già che un alimento non piace come se lo si fosse già assaggiato oppure vedere un abito e capire ancor prima di indossarlo, come ci starà o se ci sentiremo a nostro agio indossandolo.

Vivere di emozioni significa anche sentire le persone e conoscere i loro sentimenti prima che lo dicano.
Per i veri sensitivi è facile anche capire se un pesce dal pescivendolo è fresco, ha un buon gusto e nel caso non si fosse mai assaggiato sapere se piacerà oppure no.

Conoscere le intenzioni di una persona o animale, ad esempio un cane non troppo socievole, per i sensitivi, diventa un fenomeno quotidiano.
Ai sensitivi ogni caso diventa un’emozione rubata loro malgrado.
Ecco che nella lettura delle carte vivono le emozioni del consultante e sentono se sono a loro agio, dicono la verità, se li stanno mettendo alla prova oppure se sono diffidenti.

Nello svolgimento del consulto, invece, capiscono e sentono davvero i problemi del cliente e se sono davvero sensitivi, potranno entrare meglio in sintonia e riuscire a individuare il problema molto meglio di un semplice cartomante.

Le carte non sono soltanto uno studio attento per conoscere i significati ma è come entrare e rubare gli eventi mostrati dalle carte, qualunque esse siano, si vive la situazione dei consultanti, per questo esistono poche vere cartomanti che sanno dare realmente dei riscontri.

Non è facile esserlo, percependo ogni emozione che li attraversa, si rendono vulnerabili ai più insensibili e distaccati e tendono subire e a sentire di più le offese e a percepire il dolore morale più degli altri.

Nel mondo della divinazione,, i sensitivi, sono di certo i più credibili per la facilità a percepire emozioni del consultante e della persona sulla quale si indaga.

Vivere le emozioni rende più sensibili ai problemi di chi ci circonda e per questo più affidabili.
Di certo si è più vulnerabili e se si subisce un torto si sta male più di altre persone, diciamo, meno sensibili.
Alla nascita, quando viene dato questo dono, essendo più vulnerabili alle offese, viene dato anche un altro dono, la forza, senza di essa infatti sarebbe difficile difendersi.

Ci vantiamo di possedere questo dono e vi invitiamo ad entrare nel nostro mondo di operatori sensibili e attendibili.

Chiama ora e parla con noi per illuminare la tua via e tornare ad essere felice.
© La Luce del Sole – riproduzione vietata anche parzialmente

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *